Corpi digitali

Un corpo digitale per le nostre anime elettriche

Attivo dal 2005, il collettivo di mediattivisti e ricercatori Ippolita è tra le voci più acute e critiche della rete. Hacker libertari, hanno da poco pubblicato un lavoro, “Anime elettriche”, in cui ci mostrano il “dietro le quinte” della società del controllo.

Marco Pannella

Pannella: un corpo nella lotta

Quante tra le battaglie del leader radicale scomparso ieri sono ancora incompiute? Quanto la società del nostro paese è debitrice nei suoi confronti? Senza Marco Pannella, la storia politica d’Italia sarebbe molto diversa. Un’intervista con lo studioso Luca Taddio.

25126583741_d7db3f6905_o

Giustizia, dignità, bellezza. Intervista con Salvatore Veca

La bellezza – spiega Salvatore Veca, che abbiamo intervistato – “è uno dei modi di rispondere nei confronti della connessione delle cose e della congruenza delle cose”. Proprio quando questa connessione viene lacerata, depredata, sottoposta a una sistematica “cultura” dello scarto avvertiamo con maggiore urgenza la sua forza.

Jacobin-vert

Jacobin, la rivista (di sinistra) che seduce l’America

Un editore giovanissimo, una redazione diffusa, decine di ricercatori e analisti, circoli di lettura, dibattiti, tattiche per il web e strategie per il cartaceo. Con una grafica bellissima e contenuti senza sconti una rivista socialista ha vinto la sua battaglia. E disegna un futuro digitale per il mondo delle idee

refugees-1199172_960_720

Refugees. Saskia Sassen: “History will not treat European policy makers kindly”.

With the migration crisis ongoing in Europe, Vita International spoke to Professor Saskia Sassen: the Robert S. Lynd Professor of Sociology and Co-Chair of The Committee on Global Thought at Columbia University. “Existing policy is not prepared to address new types of conditions producing massive displacements,” she said, “and neither is it prepared to deal with the consequences of such displacement.”

3763fc4f-a51b-4add-8c94-17782e268864_large

Isis. Quando il terrore seduce le classi medie

Prima dell’inizio della guerra civile siriana nel 2011, i giovani jihadisti raramente appartenevano al ceto medio. Oggi è cambiato tutto. Sarebbero 4000 i giovani europei passati alle armi in Siria. Arrivano i terroristi di terza generazione: integrati, istruiti, capaci di usare ogni tecnologia, non conoscono le tradizioni, ma sfidano da dentro l’Europa. Lo fanno a colpi di “Islam for dummies”. Altro che Medioevo, l’Isis è il Postmoderno incarnato

26f06a45-1903-4853-b42f-a6893af5604b_large

Finlandia: profughi in fuga dal paradiso del welfare

C’è chi sogna di arrivare e c’è chi, arrivato, chiede di tornare a casa. Sono migliaia i profughi, soprattutto irakeni, che arrivati in Finlandia ritirano la domanda di asilo. Centinaia di loro hanno già fatto ritorno a Baghdad. Succede anche questo: che il sogno si tramuti in miraggio. Che cosa cerca chi arriva è facile da capire. Ma da che cosa fugge chi è arrivato? Ecco la domanda cruciale.

Azzardo

Azzardo di Stato

Lo Stato ha organizzato questa bisca totale, tradendo dei princìpii della nostra Costituzione, a partire da quelli sulla tutela della dignità e della salute dei cittadini, fino a quelli sulla progressività delle imposte.