Mangio dunque sono: quel nesso sottile fra cibo e pensiero

Discutiamo di “km zero”, di filiera corta – temi legittimi e importanti – davanti a un buon caffè, dimenticando che se c’è qualcosa che nella storia europea contraddice la filiera corta è proprio il caffè. Questo non toglie bontà agli argomenti sullo slow food, a patto di rispettarne la complessità che è anche ibridazione, scambio, dimensione relaziona e sociale del cibo. Perché, come aveva intuito il filosofo Ludwig Feuerbach, siamo davvero ciò che mangiamo

L’arte di indugiare per riconquistare il tempo

Da non perdere è «Il profumo del tempo. L’arte di indugiare sulle cose» del filosofo coreano Byung-Chul Han edito da Vita e Pensiero. La diagnosi di Han è che ci si trovi davanti a una patologia del tempo che intacca il nucleo stesso della forma di vita delle società avanzate

Dionigi Tettamanzi: lezione di solidarietà e etica civile nella città fragile

La scomparsa di Dionigi Tettamanzi, già arcivescovo di Milano, successore di Carlo Maria Martini ci porta proprio oggi, in tempi veramente duri, a fare i conti con il suo importante lascito morale: una chiamata all’impegno per tutta la società civile e i corpi intermedi affinché la città diventi luogo di inclusione e casa di tutti e la solidarietà si ancori ai doveri

Jeremy Corbyn: «L’immigrazione non va usata contro gli operai»

Destano polemiche le dichiarazioni del leader laburista inglese sull’immigrazione. C’è chi lo accomuna ai populisti di Niger Farage, ma Corbyn non sta attaccando l’immigrazione in sé, bensì il suo uso “disruptive” per degradare le condizioni di lavoro e ridurre le opportunità, quindi i diritti, dei lavoratori inglesi. Un dibattito che rischia di infiammare la sinistra europea e non solo

Cittadinanza in vendita

Se è vero che il 99% della popolazione mondiale acquista la propria cittadinanza in virtù del caso, c’è un 1% della popolazione che può permettersi, molto più prosaicamente, di sceglierla acquistandola a suon di milioni di dollari o di euro. Come? Accedendo al mercato (legale) delle cittadinanze in vendita. In questo mercato ristretto opera un manipolo di società private. I clienti sono facoltosi uomini d’affari che hanno bisogno di circolare senza troppi visti o controlli

Maurice Blanchot: una rivendicazione contro il mondo

Poche figure hanno attraversano il Novecento filosofico, critico, letterario senza lasciare una sola e afferrabile immagine di sé, disseminandolo però di perduranti, ma sfuggenti, tracce. Una di queste figure è senza dubbio Maurice Blanchot. Narratore e critico letterario, saggista capace di portare la forma-saggio alle sue altezze più estreme, Blanchot è autore che tutti hanno se non letto intercettato, se non cercato incrociato, se non visto sentito nei propri percorsi di lettura o ricerca: Kafka, Derrida, Bataille,Lévinas, Hölderlin, René Char, Foucault. Tutto ciò di cui ci ha parlato, ora ci parla di lui