From articoli

Raimon Panikkar: «Alzare barriere fra religioni è un suicidio culturale»

Tra coloro che più hanno insistito sul valore cardine del dialogo c’è Raimon Panikkar: pensatore, teologo, figura dal pensiero fecondo. Due suoi libri editi da Jaca Book richiamano alla necessità dell’etica di un pluralismo delle cultura che abbandoni il concetto di “tolleranza dell’altro” e riporti al centro quello della nostra limitatezza e contingenza: utopia o ultima possibilità?

Francesco Viganò: etica cooperativa e spirito del mutualismo

Il 5 aprile del 1807 nasceva in provincia di Lecco Francesco Viganò, economista, tra i padri della cooperazione. Fondatore della prima cooperativa di consumo, per lui il mutualismo era un veicolo di educazione e rinnovamento etico integrale, non una forma giuridica fra le altre. Ecco perché, proprio ora, è importante tornare alla sua lezione

La piazza e la torre: non basta cambiare paradigma per capire il nostro tempo

Internet e la rete non hanno cambiato il mondo, spiega lo storico Niall Ferguson. Ma dinanzi a un rapporto sempre più complesso fra reti e gerarchie, fra mondo di sotto e mondo di sopra, l’unico salto di paradigma che i nostri analisti sono in grado di proporre a chi sta nel mezzo è un recupero di categorie e termini – fascismo, realismo, deterrenza, progressismo – relativi al periodo fra le due guerre mondiali

Sotto la pelle del Paese: migrazione, valori cattolici, diritti civili nell’Italia che si prepara al voto

Anche le paure sono fatti. Ma i devoti del fact-checking da tastiera continuano imperterriti a mettere “le paure di qua” e “i fatti di là”. Eppure quella che si appresta al voto è un’Italia dove paure e fatti convivono talvolta in sempre più chiara contraddizione: partiti senza popolo, paura dell’Islam, fine dei valori cattolici, fede incondizionata nella religione dei diritti civili. Facciamo il punto

Nasce “Destinazione luna”, la sfida degli studenti di comunicazione alle riviste cartacee

Il 26 febbraio 2018, alle ore 14.30, nell’Aula Scarpa dell’Università di Pavia (Corso Strada Nuova, 65), si terrà una lezione aperta sul tema del “fare rivista” (intesa come cartacea) oggi. L’occasione è la presentazione del numero zero di un magazine sperimentale pensato, elaborato e scritto con gli studenti del corso di Professioni dell’Editoria, tenuto da…

Nel male oscuro dell’Occidente

Di che natura è la crisi che stiamo attraversando? Una follia passeggera o il frutto della nostra storia? Perché mentre i numeri parlano di ripresa, crescono disperazione, solitudine e consumo di oppiacei? Una lucida riflessione nell’ultimo libro di Mattia Ferraresi

Davos è davvero la capitale del mondo?

Di fronte al disordine mondiale, ci si chiede con sempre maggior insistenza “chi comanda il mondo”. La domanda è al centro dell’ultimo libro di Giorgio Galli e Mario Caligiuri che si concentrano sul ruolo della “superclasse” finanziaria e sull’impatto delle decisioni delle élites non elettive sui sistemi democratici

Migrazioni: chiavi per capire

Ben l’86% dei 65,3 milioni di persone in cerca di asilo trova oggi accoglienza in Paesi del cosiddetto Terzo mondo e, di questi, 40 milioni trova rifugio in zone più sicure all’interno dei loro confini nazionali. Meno del 10% arriva in Europa. E il solo Libano, spiega Maurizio Ambrosini nel suo ultimo “Migrazioni” edito da Egea, ha accolto più rifugiati siriani di tutti i 28 Paesi dell’Unione Europea messi assieme, «con un’incidenza stimata di 183 ogni 1000 abitanti». E l’Italia? L’Italia è a quota 3 ogni 1000 abitanti