Katainen (UE): «Non conosciamo l’impatto dell’Intelligenza Artificiale sul mondo del lavoro»

Sull’Intelligenza Artificiale nessuno può dire dove stiamo andando. Soprattutto, ha dichiarato Jyrki Katainen, «nessuno può affermare con certezza quale sarà l’impatto dell’AI sul mondo del lavoro». Le preoccupazioni non sono infondate e l’ottimismo, come insegnava Hans Jonas, quando ci sono di mezzo rischi cruciali, non è una medicina. Tutt’altro.

Parlando all’incontro organizzato da Google Debating Europe sul “Futuro del lavoro”, il vicepresidente della Commissione per il lavoro, la crescita, gli investimenti e la competitività nella Commissione Juncker, ha poi osservato che «siamo di fronte a qualcosa di allarmante, ma che non ci deve bloccare. Non dobbiamo essere eccessivamente preoccupati delle ripercussioni su quanti posti di lavoro si potranno perdere, ma concentrarci sulle opportunità».

Jyrki Katainen

@jyrkikatainen

Interesting analysis of . Opprtunities for jobs, growth and better services. Also challenges to jobs, ethical issues and skills. We need to make right choices to lead the development to economically and humanly sustainable direction. @ECThinkTank https://twitter.com/ecthinktank/status/978583774899396609 

Il problema a oggi più grande, sembra suggerire Katainen, è di tipo etico e culturale. Se nessuno conosce realmente il potenziale impatto dell’AI e dell’automazione sul mondo del lavoro, anche l’impatto etico dei programmi che genericamente vanno sotto il nome di “Intelligenza Artificiale” è incerto.

Culturalmente, invece, le cose sono più chiare: si possono cogliere le sfide se si hanno strumenti culturali e non solo tecnologici adeguati. Strumenti (culturali) che, a oggi, mancano.

FONTE: Vita, 24 aprile 2018